• Menu
  • Menu
cosa vedere a Pienza

Cosa vedere a Pienza in un giorno

Disteso sul letto rifletto sulle parole da usare: quello che state per leggere è il primissimo articolo del blog e non potrei essere più felice. Iniziamo insieme questo viaggio speciale e scopriamo cosa c’è da vedere a Pienza in giornata.

Abbiamo deciso di partire da qui perché Pienza è così: vi rapirà appena arrivati e non potrete far altro che ripensarci ogni tanto, abbastanza da balzarci in mente come primo post. I motivi? Vediamoli!

 

cosa vedere a Pienza
I meravigliosi vicoli di Pienza

Il borgo

Si tratta di un piccolo borgo a un’ora d’auto da Siena e consigliamo di visitarlo in un giorno se siete di base a Siena o Firenze, facendo un salto anche alla vicina Montepulciano, altra perla della Val d’Orcia (piena di perle da farci una collana). Pienza è patrimonio dell’UNESCO.

Dopo aver parcheggiato (evitate i posti a pagamento, nelle vie fuori dalle mura ci sono molti posti liberi disponibili) ci dirigiamo verso l’entrata principale, tipico arco in muratura da favola ma siamo in Toscana e le favole sono di casa. Varchiamo la soglia e entriamo in un sogno ad occhi aperti.

E subito torniamo ai tempi di Papa Pio II, nato qua, in questi vicoli e con a disposizione questo panorama. Attraversare la via centrale del borgo da un arco all’altro è una breve ma intensa esperienza tra vecchie case in muratura, una piazza Pio II elegante e l’imperdibile odore di pecorino… eh sì tra poco ci arriviamo, tranquilli.

Esplorare i vicoli del borgo è emozionante soprattutto per le coppie: basta citare alcune vie che si incontrano per la strada come via del Bacio e via dell’Amore (ok a dirla tutta dopo c’era via Buia ma ci accontentiamo lo stesso).

Vie bellissime a Pienza

Cosa vedere e cosa fare a Pienza

Già solo camminare e respirare il sapore del borgo vale la gita, ve lo garantiamo; ecco alcune cose che si possono aggiungere oltre al vagare perduti nella fantasia:

Visitare Palazzo Piccolomini e il Duomo

Gli edifici aggettano entrambi sulla piazza principale e sono accessibili entrambi con un unico biglietto (Pienza – Città di Luce) al prezzo di 10€. Sono aperti tutto l’anno.

Un Duomo in qualsiasi borgo toscano è imperdibile perché trasmette sempre sensazioni particolari che vale la pena provare mentre il Palazzo offre la possibilità anche di visitare il suo bellissimo giardino pensile. Tutte le info si trovano comunque sul sito ufficiale.

Percorrere la strada panoramica sulla valle

Sembra scontato ma non lo è: non basta solo camminarci, va gustata. Fermarsi varie volte e godere di una delle viste simbolo della Toscana, le colline della Val d’Orcia. Provate ad andarvene se ci riuscite…

Panorama da Pienza, Val d'Orcia
Non vorrete più distogliere lo sguardo

Visitare i negozi di alimentari tipici

Lo so che stavate aspettando proprio questo, l’avrei pensato anche io: bellissimo, ma che si mangia?

In realtà i piatti tipici della zona sono vari, partendo dai nostri preferiti pici, una sorta di spaghetto, ma molto più spesso e con un forte sapore di impasto che si sposa bene con vari condimenti (cinta senese, cinghiale, tartufo…).

Ma siamo a Pienza e l’odore di pecorino la fa da padrone: è il famoso pecorino di Pienza, che trovate in ogni angolo del borgo, ma che non potrete fare a meno di avvertire quando passerete di fronte alla Taverna del Pecorino. I gusti sono molteplici, scegliete quello che vi piace di più e divertitevi in cucina.

Ma oltre a visitare i negozi e magari fare qualche assaggio, non abbiamo mangiato niente? Hey, non siamo mica impazziti. Leggi un po’ qua sotto…

Dove mangiare a Pienza

Al momento del pranzo le scelte sono innumerevoli ma noi abbiamo optato per un posto che si è rivelato magico, sia per la location sia per le pietanze; scoprite di che si tratta nell’articolo dedicato al lato culinario di Pienza.

E voi, avete già visitato questa perla tutta toscana? Che ne pensate? Scrivetelo pure qua nei commenti insieme alle vostre domande e curiosità su Pienza.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *